Giovanni Luca Romano

Ricercatore di Farmacologia [BIO/14]
Dipartimento di afferenza: Scienze biomediche e biotecnologiche
Ufficio: Torre Biologica, 3 piano Torre Sud - Stanza 39
Email: giovanniluca.romano@unict.it gian.romano2@gmail.com
Mobile: +39 3400643979
www.facebook.com/
Orario di ricevimento: Tutti i giorni, previo appuntamento e-mail.


Ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologiche (BIOMETEC), Sezione di Farmacologia, Farmacologia clinica e Farmacognosia (SSD BIO/14) dell’Università degli Studi Catania.

Autore di pubblicazioni su riviste internazionali indicizzate in diverse aree biomediche, nel 2017 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in “Neuroscienze” - XXIX ciclo, con tesi di dottorato dal titolo “microRNA target in Glaucoma”.

Tra il 2016 ed il 2019 ha ricoperto il ruolo di Staff Associate Research presso il Bascom Palmer Eye Institute – University of Miami – Florida (USA), svolgendo attivitá di ricerca nell’ambito di un progetto dal titolo “Retinal Ganglion Cells Survival in Glaucoma”, nel laboratorio diretto dal Prof. Vittorio Porciatti.

Vincitore di diversi grant e borse di studio per approfondimenti di ricerca all’estero, la sua principale attività di ricerca si concentra sullo studio della farmacologia oculare con un focus specifico sulle terapie di patologie neurodegenerative a carico della retina e del nervo ottico.

 


visualizza le pubblicazioni
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina
ANNO ACCADEMICO 2019/2020

  • DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA
    Corso di laurea in Tecniche audioprotesiche - 3 anno
    SCIENZE INTERDISCIPLINARI III

Il Dott. Romano è esperto nello studio dell'elettrofisiologia della retina (ERG, PERG) in modelli animali, con una approfondita conoscenza di tecniche di imaging preclinico (OCT) e immunoistologiche (IHC).

Nel corso della sua esperienza di ricerca ha acquisito innumerevoli dati che hanno rappresentato una chiave di lettura per determinare l'importanza del segnale delle cellule ganglionari retiniche ed il loro coinvolgimento in importanti patologie neurodegenerative della retina interna e del nervo ottico.